SE  VUOI VENDERE VECCHIE ATTREZZATURE SUBACQUEE E DA PALOMBARO CONTATTACI - IF YOU HAVE OLD DIVING HELMETS FOR SALE, CONTACT US !

CERCHIAMO SEMPRE ELMI DA PALOMBARO E NON SOLO

LINKS 

Sito sullo Scuba Vintage

Diving Collectors Register of Italy

The Historical Diving Society Italia

The Historical Diving Society Spagna

Bellissimo sito sulla storia delle attrezzature da palombaro

Very nice Historical Diving Site by David Dekker

Bellissimo sito francese sulla storia dell'immersione e dei palombari

Very nice Historical Diving Site from France

Un incredibile sito sulla storia delle attrezzature Scuba

Incredible site on Scuba Diving History

Sito in costruzione di un amico collezionista con interessanti elmi della sua collezione.

Nice site of a friend. His collecction shows very interesting diving helmets.

Diving Helmet Italy by Fabio Vitale
Diving Helmet Italy by Fabio Vitale

Gli elmi della Siebe Gorman

Se è vero che normalmente i collezionisti nel campo degli elmi da palombaro prediligono quelli provenienti dal proprio Paese, è anche vero che c’è un marchio che più di ogni altro unisce i collezionisti di tutto il mondo. Si tratta della famosa azienda Siebe, Gorman & Co. Ltd. (ultima denominazione sociale in ordine temporale), fondata a Londra dall’ingegnere sassone Augustus Siebe. 

Nel 1823, due fratelli inglesi, Charles e John Deane, idearono il primo embrionale scafandro da palombaro effettivamente utilizzabile sott’acqua, una realizzazione ancora grezza per quanto efficace. Le cose cambiarono quando decisero di rivolgersi a Augustus Siebe per migliorare il loro elmo. Fu proprio attorno a quest’ultimo che si concentrarono diversi fortunati episodi, come la geniale intuizione dell’ingegnere George Edwards di attaccare il vestito all’elmo per mezzo di dodici galletti a vite e dei settori piatti che, schiacciando  il bordo gommato del vestito sul collare dell’elmo, ne garantivano la tenuta stagna. Edwards donò questa miglioria e Siebe, rendendo così possibile per quest’ultimo, la commercializzazione di uno scafandro così perfetto e funzionale da non aver avuto più necessità di particolari cambiamenti durante tutta la sua lunga vita.  Siebe decretò il vero successo commerciale di questa attrezzatura, diventando perciò la prima e più famosa azienda del mondo. 

Tale successo è continuato nel tempo arrivando, tra alterne vicende societarie, fino al 1999. Se includiamo come anno d’inizio attività il 1819, quando la Augustus Siebe non produceva ancora attrezzature da palombaro ma era una semplice azienda meccanica, fanno in tutto 180 anni di vita ininterrotta.

Un rarissimo esemplare di elmo A. Siebe dodici bulloni, databile verso il 1850/1860.  Il nome del fabbricante è punzonato direttamente sul collare.

Vista posteriore del Siebe ritratto nella figura sopra. La valvola di scarico è posta sulla parte posteriore, posizione che verrà ben presto abbandonata perché poco comoda.

La scritta incisa direttamente sul collare dell’elmo A. Siebe. Riporta il nome del fabbricante e l’indirizzo dello stabilimento. Siamo alle origini di questa affascinante apparecchiatura.

Da un punto di vista collezionistico possedere un elmo Siebe  Gorman è un po’ come possedere una Rolls Royce. L’accuratezza della lavorazione, la qualità dei materiali usati e delle fusioni, le forme classiche mantenute nel tempo, fanno di questo elmo un pezzo sempre ricercato e molto affascinante. 

Un’altra cosa che ha contraddistinto la Siebe & Gorman è la grande produzione in fatto di modelli, se ne contano almeno dodici dei principali, senza considerare quelli con modifiche minori. Normalmente il nome dei vari modelli prendeva origine dal numero dei bulloni presenti sul collare. Abbiamo così elmi a dodici, otto, sei, tre e due bulloni, ognuno dei quali si contraddistingue per delle forme particolari.  

Ci sono anche modelli che al numero dei bulloni affiancano anche il nome derivante dal loro particolare utilizzo come l’elmo a dodici bulloni modello A – Ammiragliato adottato dalla Royal Navy o l’elmo dodici bulloni modello “Pearler”, rivolto all’industria della raccolta di ostriche.

Venendo a una datazione della produzione, abbiamo due variabili da considerare e che ci aiutano in questa importante attività: la denominazione societaria riportata sulle attrezzature e la matricola progressiva (unica per tutti i tipi di elmi Siebe, poi Siebe & Gorman) che veniva punzonata sulla parte interna delle flange di testa e collare.

Elmo Siebe Gorman & Co dodici bulloni. Come dice la denominazione sociale, siamo dopo il 1880. Questo elmo ha l’oblò anteriore con griglia, come richiesto dalle specifiche dell’Ammiragliato inglese. Inoltre, propone una strana protuberanza sulla parte laterale dell’oblò. Si tratta di un attacco per la manichetta acustica. Non usandosi ancora sistemi di comunicazione telefonica, dalla superficie si parlava all’interno di un cornetto che, attraverso una manichetta, trasferiva il suono a una capsula vibrante metallica posta all’interno dell’elmo. Elmo molto raro.

Vista posteriore dell’elmo in figura 4. La valvola di scarico si sta spostando verso il lato. I modelli successivi proporranno un ulteriore spostamento finale in posizione ancora più laterale.

La denominazione incisa sull’elmo in figura 5.  Sempre incisa direttamente sul collare, riporta i cognomi dei due nuovi soci dell’azienda, il figlio e il genero di Augustus Siebe.

La prima denominazione dell’azienda fu “A. Siebe” e la ritroviamo sulle attrezzature da palombaro costruite tra il 1839 e il 1870.    

Dal 1870 e fino al 1879 l’azienda prese il nome di “Siebe & Gorman”. Questa denominazione fu il risultato di una nuova partnership tra il secondo figlio di Augustus Siebe, Henry H. Siebe e il genero sempre di Augustus, William A. O’Gorman.

Dal 1881 fino al 1904 la ritroviamo come “Siebe, Gorman & Co.”, trasformata dal 1905 in avanti in “Siebe, Gorman & Co.Ltd.”.

La denominazione della azienda è sempre stata riportata sugli elmi e questo aiuta la datazione. Fino a circa il 1880 il nome venne punzonato direttamente sulla parte anteriore del collare mentre successivamente si adottarono delle targhette saldate o poste con due rivetti sempre sul davanti del collare.

La matricola, come detto, era punzonata nella parte interna delle flange di testa e collare, sull’oblò anteriore, sulla parte interna di ogni singolo pressore (i 4 settori in bronzo o ottone che servivano a comprimere il bordo in gomma del vestito sul collare dell’elmo).

Era progressiva e non si è mai interrotta dal primo elmo prodotto. Quindi alla progressione della matricola si accoppia anche la datazione degli elmi. Anche in questo caso, però, dobbiamo riferirci a un metodo non preciso mancando il riferimento a un registro della produzione sicuramente archiviato negli uffici dell’azienda ma mai divulgato.

Inutile dire che gli elmi con il nome punzonato direttamente sul collare sono rarissimi, rari quelli con le targhette databili fino al 1920, meno rari ma sempre ricercati gli altri e questo in considerazione di una produzione totale di elmi di oltre ventimila pezzi.

Ovviamente questa grande azienda non produsse solo scafandri da palombaro ma anche attrezzature particolarmente dedicate al salvataggio in ambienti invasi da fumi tossici e sistemi di salvataggio per la fuoriuscita da sommergibili in avaria.

Questa grande azienda non può essere menzionata senza, contemporaneamente, ricordare la figura di Sir Robert H. Davis, geniale ed erudito inventore e direttore della Siebe, Gorman & Co. Ltd. Fu un personaggio che apportò un grande contributo in termini di innovazione durante tutta la sua longeva esistenza.

Elmo Siebe Gorman & Co. Ltd dodici bulloni. Periodo intorno al 1910.  Esemplare raro.

Particolare della valvola di scarico dell’elmo in figura 7 (chiamata anche valvola atmosferica) brevettata da Gorman.

A partire gradualmente dal 1880 il nome non viene più inciso sul collare ma su quest’ultimo viene attaccata con due rivetti una targhetta ottenuta da fusione a cera persa. Questo è il primo tipo di targa che ritroviamo su un elmo Siebe Gorman & Co.

Targhetta posta sugli elmi prodotti dal 1905 fino a circa il 1920

Targhetta stampata con lettere in depressione. Venne adottata per un brevissimo periodo a cavallo degli anni Venti.

Targhetta adottata dagli anni Venti in avanti. Stampata con lettere in rilievo e smaltata.  La caratteristica di questa targhetta era la facile usura che, con il passare degli anni,  rendeva pressoché illeggibili le scritte.

Targhetta posta sugli ultimi elmi prodotti dalla SIebe Gorman & Co. Ltd. Siamo oramai verso Gli anni Settanta.

Elmo Siebe, Gorman & Co Ltd dodici bulloni databile intorno agli anni ’30. I galletti non sono gli originali forniti dalla ditta ma una serie di probabile recupero da parte del palombaro.

Elmo Siebe Gorman & Co. Ltd sei bulloni, periodo anni ’50.

Elmo Siebe Gorman & Co. Ltd dodici bulloni e quattro oblò, periodo anni ’50. Si tratta di un elmo abbastanza raro da trovare.

Elmo Siebe Gorman & Co. Ltd sei bulloni. Sul collare trova posto un attacco per bomboline di aria compressa alloggiate nella zavorra pettorale. Modello chiamato anche  Royal Dutch Engineers perché fabbricato su specifiche del corpo della Marina olandese. Periodo anni ’50. Anche in questo caso si tratta di un modello abbastanza raro da reperire.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Diving Helmet Italy by proteo962